29 / 04 / 2016

JOÃO MARIA VENTURA TRINDADE

 

 


Location
Sala Polivalente di Palazzo Te
ore 18.30

 

 


Scarica la locandina
In alta risoluzione (PDF)

 

 


Guarda il video
della conferenza

 

 

Arper logo 2011

 

Unical

 

 

 

 

 

João Maria Ventura Trindade (Évora - 1972) si laurea in architettura presso la facoltà di Archittetura di Lisbona, nel 1995. Ha collaborato nello studio di João Luis Carrilho da Graça tra il 1993 e il 2003.
Tra il 1998 e il 2009 è stato docente di progettazione architettonica presso la Faculdade de Arquitectura da Universidade Lusíada de Lisboa, presso l'Università di Évora dal 2009, e nel 2011 presso la Escuela Superior de Arquitectura y Tecnologia (ESAYT) di Madrid. Attualmente è anche Professore nella scuola di Architettura dell' ISCTE-IUL Lisbona.



E' stato visiting professor presso l'Accademia d'Architettura di Mendrisio, il Politecnico di Milano, l'Istituto di architettura di Venezia (IUAV), l'Università degli Studi di Trieste, l'Università degli Studi di Reggio Calabria e in diverse altre scuole di architettura in Portogallo e all'estero. Nel 2003 e 2004 è stato consulente del Ministero Portoghese dell'Ambiente.



Nel 2005 fonda lo studio VENTURA TRINDADE arquitectos e nel 2009 ha ricevuto il Premio di Architettura FAD - Barcellona, con il progetto Estação Biológica do Garducho, il suo primo progetto pubblico costruito. E 'stato anche premiato alla VII BIENAL IBEROAMERICANA DE ARQUITECTURA 2010 - Medellin, Colômbia.
È stato finalista dei premi AR 2009 Awards a Londra presso il Royal Institute of British Architects, del Premio di Architettura SECIL nel 2011, del Premio Yakov Chernikhov 2010 della Fondazione ICIF Mosca - rivolto agli architetti sotto i 40 anni, del Premio Architettura Sostenibile 2011 Università di Ferrara e del Premio Mies van der Rohe nel 2011, della Fondazione Mies van der Rohe a Barcellona.



Nel 2014 ha ricevuto, insieme a Inês Lobo, il Premio Nazionale di Riabilitazione IRHU 2013 con il progetto di riconversione dell' Antiga Fábrica dos Leões para os Departamentos de Arquitectura e Artes Visuais da Universidade de Évora, assegnato dall'Instituto da Habitação e da Reabilitação Urbana, la cui giuria era presieduta da architetto Eduardo Souto de Moura.



Nel Luglio 2015 è stato selezionato come finalista (tra più di 120 candidature provenienti da 8 differenti paesi), insieme agli architetti David Chipperfield, Barozzi-Veiga, Nieto e Sobejano e Inês Lobo, per il concorso internazionale di riqualificazione delle Caserme Montelungo-Coleoni a Bergamo.
Il lavoro dello studio è stato rappresentato in mostre, pubblicazioni e conferenze in Europa, Asia, Africa e America e fa parte di una selezione di otto atelier portoghesi che hanno rappresentato il Portogallo nel UIA2011 Tokyo – 24th World Congress of Architecture e nella 9ª Bienal Internacional de Arquitectura di San Paolo, Brasile, all'interno della mostra dal titolo " Tradition is Innovation ".