15 / 05 / 2014

ALBERTO CAMPO BAEZA

 

 


Location
Tempio di San Sebastiano, Mantova

 

 


Scarica la locandina
In alta risoluzione (PDF)

 

 


Guarda il video
della conferenza

 

 logo fondazione

 

nuovo logo scuro

 

NUOVOLOGO FC 300

 

UtilizzoLogoMondini-1

 

logo mellon 

 

PEZZO LOGO COMPLETO

 

Unical

 

Arper logo 2011

 

Logo Manerba copia

 

LOGO COESA SOC COOP

L’Associazione “L.A.C. Laboratorio di Architettura Contemporanea”, il Politecnico di Milano - Polo di Mantova e l'Ordine degli Architetti della Provincia di Mantova, sono lieti di ospitare per il secondo incontro di "MANTOVARCHITETTURA", un altro grande architetto contemporaneo, lo spagnolo Alberto Campo Baeza.

L’incontro si terrà giovedì 15 maggio 2014, alle ore 18.00, presso il Tempio di San Sebastiano, a Mantova.

Alberto campo Baeza si laurea in Architettura nel 1971 presso la Scuola di Architettura dell'Università Politecnica di Madrid studiando con insegnanti come Francisco Javier Sáenz de Oiza e Javier Carvajal e Julio Cano Lasso.
Attualmente è professore presso il Dipartimento di Progettazione Architettonica presso la stessa scuola, dove ha sviluppato negli anni ottanta e novanta un'intensa attività istituzionale, collegando la ETSAM con alcune delle architetture attuali internazionali del momento, principalmente italiane e giapponesi.
Alla fine degli anni ottanta e negli anni novanta realizza una serie di case sperimentali, che insieme formavano un manifesto sull'uso della luce in spazi tonalità monocromatiche vicine al bianco.
Alla fine degli anni novanta affronta i temi della materialità dei sistemi di costruzione e le loro implicazioni spaziali. Prova la specializzazione spaziale dei sistemi costruttivi di natura tettonica (quelli generati dall'assemblaggio di parti di luce) e stereotomica (generata con l'aggiunta massiccia di elementi pesanti). Ricerca che viene condotta in parallelo dallo storico e professore alla Columbia University Kenneth Frampton.
Campo Baeza applicherà e testerà questa ricerca in una delle sue opere più sostanziali: la sede della Caja de Granada, nella città di Granada. In questo edificio, una grande prisma di cemento armato con quattro colonne di cemento, riducendo la luce strutturale del vuoto che crea, ospita due scatole con pianta a 'L'.
La caratteristica fondamentale della sua architettura è una ricerca costante, nella qualificazione dello spazio, della luce: la luce orizzontale in Casa Gaspar, la luce verticale nel Museo Elsa Peretti, luce diagonale nella Casa di Tom Ford o la luce "trasparente" nella Caja de Ahorros di Granada.

 

In collaborazione con:

Politecnico di Milano. Polo Territoriale di Mantova

 

Con il patrocinio di:

Provincia di Mantova, Comune di Mantova, Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori della Provincia di Mantova, Centro Internazionale d'Arte e Cultura di Palazzo Te, Collegio Costruttori Edili Ance Mantova