10 / 10 / 2013

EDUARDO SOUTO DE MOURA 

 

 


Location
Tempio di San Sebastiano, Mantova

 

 


Scarica la locandina
In alta risoluzione (PDF)

 

 


Guarda il video
della conferenza

 

 logo fondazione

 

nuovo logo scuro

 

NUOVOLOGO FC 300

 

UtilizzoLogoMondini-1

  

logo mellon 

 

PEZZO LOGO COMPLETO

 

Unical

 

Arper logo 2011 

 

Logo Manerba copia

 

LOGO COESA SOC COOP

L’Associazione “L.A.C. Laboratorio di Architettura Contemporanea”, in collaborazione con il Politecnico, nell'ambito delle attività promosse dal Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano in seno alla Cattedra Unesco "Pianificazione e Tutela Architettonica nelle Città Patrimonio Mondiale dell'Umanità", ha il piacere di ospitare a Mantova uno dei più prestigiosi nomi dell'architettura contemporanea, l'architetto portoghese Eduardo Souto de Moura.

L’incontro si terrà giovedì 10 ottobre 2013 alle ore 18.30, presso il Tempio di San Sebastiano, a Mantova.

Eduardo Souto de Moura nasce nel 1952 a Porto. Frequenta la Escola Superior de Belas Artes, diplomandosi in Architettura nel 1980. Tra il 1974 e il 1979, ancora studente, è collaboratore di Alvaro Siza e suo assistente presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Porto (FAUP) sino al 1990 quando diviene professore ordinario alla stessa facoltà.
Ha inoltre insegnato architettura a Ginevra, Parigi-Belleville, alla Harvard University, Dublino, ETH Zurich, Losanna e all'Accademia di Architettura di Mendrisio.
Eduardo Souto de Moura apre il proprio studio nel 1980. Da allora ha progettato oltre 60 edifici in Portogallo, Spagna, Italia, Germania, Regno Unito e Svizzera.
Souto de Moura emerge per la capacità di rielaborare le tipologie edilizie tradizionali, declinate secondo un’essenzialità di linguaggio che è parte del nostro tempo e tradotte in opera come echi di architettura tradizionale attraverso tecniche costruttive a basso contenuto tecnologico, adeguandosi alla ristrettezza dei mezzi e alle rudimentali tecniche a disposizione.
I suoi edifici hanno conciliare caratteristiche opposte tra loro come l'energia e la modestia, il coraggio e la sottigliezza.
Attento è l’approccio al contesto paesaggistico che contraddistingue i suoi progetti e la sensibilità che pone nella valorizzazione di preesistenze di pregio; approccio derivatogli anche dall’esperienza presso le SAAL (Serviço Ambulatorio de Apoio Local), i gruppi interdisciplinari autogestiti per risolvere l’emergenza abitativa nelle grandi città, entro cui si sperimentano nuove forme di collaborazione tra le cooperative di inquilini e i progettisti per la realizzazione di alloggi popolari.
Partecipa a vari seminari e conferenze in Portogallo e all'estero. Il suo lavoro è stato oggetto di numerose pubblicazioni e mostre.
Souto de Moura ha ricevuto diversi premi, tra cui nel 2011, il “Pritzker Prize”, considerato il Nobel dell'architettura.
Tra i progetti principali: il Padiglione della Conoscenza dei Mari all’Expo ’98 di Lisbona e quello portoghese all’Expo 2000 di Hannover; la Casa del Cinema Manoel de Oliveira a Porto (1998-2002); lo stadio comunale di Braga (2000-2004); il Centro de Arte Contemporanea de Bragança (2002-2008); la Casa das Historias Paula Rego a Cascais (2005-2009); Casa das Artes (cinema, auditorium, spazi espositivi) nella stazione della Trinità Oporto metropolitana; la trasformazione dell’edificio della dogana di Porto in Museo dei Trasporti e delle Comunicazioni (1993-2002); il recupero del convento di Santa Maria do Bouro (1989-1997) in una delle più visitate pousada del Portogallo.

 

In collaborazione con:

Politecnico di Milano. Polo Territoriale di Mantova

 

Con il patrocinio di:

Provincia di Mantova, Comune di Mantova, Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori della Provincia di Mantova, Centro Internazionale d'Arte e Cultura di Palazzo Te, Collegio Costruttori Edili Ance Mantova