23 / 10 / 2012

ANTOINE PICON

 

 


Location
Sala Polivalente di Palazzo Te, Mantova

 

 


Scarica la locandina
In alta risoluzione (PDF)

 

 


Guarda il video
della conferenza

  

logo fondazione

 

nuovo logo scuro

 

UtilizzoLogoMondini-1

 

 logo agape

 

logo pibamarmi 

 

logo mellon 

 

PEZZO LOGO COMPLETO

 

logo hermann BN

 

Arper logo 2011

Nell'ambito delle attività promosse dal Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano in seno alla Cattedra Unesco "Pianificazione e Tutela Architettonica nelle Città Patrimonio Mondiale dell'Umanità", e in occasione della mostra "Pier Luigi Nervi. Architettura come sfida. L’industria e la fabbrica sospesa" curata da Carlo Olmo, ilPolitecnico di Milano, il Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e l’Associazione L.A.C. Laboratorio di Architettura Contemporanea organizzano un incontro con Antoine Picon, studioso di storia dell’ingegneria e dell’architettura occidentali dal XVIII secolo ad oggi.

L’incontro si terrà il giorno 23 ottobre, alle ore 18.00, presso la Sala Polivalente di palazzo Te, a Mantova.

La conferenza indagherà il rapporto fra estetica e ingegneria, tra forme e strutture, fra ragioni tecniche e libertà artistica, affrontando un argomento chiave delle riflessioni e dell’opera di Pier Luigi Nervi, centrale nel dibattito disciplinare sin dalla nascita dell’architettura e dell’ingegneria moderne.

Antoine Picon è professore di Storia dell’Architettura e della Tecnologia presso la cattedra universitaria G. Ware Travelstead e co-direttore dei Programmi di Dottorato (PhD e DDes) alla Harvard Graduate School of Design. Attivo come ingegnere, architetto e storico, Picon studia la storia delle tecnologie architettoniche e urbane dal XVIII secolo a oggi. Il suo Architectes et ingénieurs au siècle des lumières (1988, tradotto in inglese nel 1992) è uno studio sintetico delle “strutture profonde” della disciplina dell’architettura, del progetto del paesaggio e dell’ingegneria nel XVIII secolo, oltre che uno studio comparativo delle loro trasformazioni nelle nuove istanze di controllo del territorio e di pianificazione delle infrastrutture.
Se Claude Perrault (1613-1688) ou la Curiosité d'un classique (1988) traccia l'origine di questi cambiamenti, alla fine del XVII secolo, L'invention de l'ingénieur moderne, L'École des Ponts et Chaussées 1747 -1851 (1992) analizza il loro pieno sviluppo a partire dalla metà del XVIII secolo sino al 1850. Picon ha inoltre indagato le relazioni tra la società, la tecnologia e l'utopia. Si tratta, in particolare dell’argomento centrale in Les Saint-Simoniens. Raison, imaginaire et utopie (2002), uno studio dettagliato del Sansimonismo, movimento che ha svolto un ruolo fondamentale nella nascita della modernità industriale. Il libro più recente di Picon, Digital Culture in Architecture: An Introduction for the Design Profession (2010) offre una panoramica completa e una discussione approfondita sui cambiamenti introdotti dal computer nella teoria e nella pratica dell'architettura.
Picon ha ricevuto numerosi premi per i suoi scritti, tra cui la Médaille de la Ville de Paris e due volte il Prix du Livre d'Architecture de la Ville de Briey, oltre alla Medaglia George Sarton dell'Università di Gand, mentre nel 2010 è stato eletto membro della Académie des Technologies.
Picon si è laureato in Francia, in ingegneria presso l’École Polytechnique e l’École Nationale des Ponts et Chaussées, in architettura presso l'École d'Architecture de Paris-Villemin, e ha conseguito il dottorato in storia presso l'École des Hautes Études en Sciences Sociales.

 

In collaborazione con:

Politecnico di Milano. Polo Territoriale di Mantova

 

Con il patrocinio di:

Provincia di Mantova, Comune di Mantova, Mantova 2019, Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori della Provincia di Mantova, Centro Internazionale d'Arte e Cultura di Palazzo Te, Collegio Costruttori Edili Ance Mantova